COSA FACCIAMO

Assistenza, supporto e integrazione socio-lavorativa delle donne vittime del traffico di esseri umani per prevenire il rischio di retrafficking.

PER CHI E DOVE

Le donne e ragazze vittime del traffico di esseri umani provenienti da paesi terzi e giunte in Spagna, Francia, Italia e Grecia.

GLI OBIETTIVI

l progetto si propone di fornire adeguata assistenza e supporto alle donne vittime di traffico di esseri umani e di contribuire alla loro integrazione socio-economica nel paese d’accoglienza, prevenendo il rischio di rientrare nel giro della tratta attraverso la promozione di programmi di re-integrazione effettivi e multidimensionali adatti alle specifiche esigenze delle beneficiarie.

Questo progetto vuole contribuire ad accrescere l’assistenza, il supporto, la protezione e l’integrazione delle donne vittime di tratta, concentrandosi sull’inclusione sociale ed economica di questo gruppo target per evitare il rischio di retrafficking.

Il progetto prevede, in particolare, 4 obiettivi specifici:

  1. Fornire un metodo di assistenza concreta per le donne VdT per gestire l’impatto con la realtà esterna ai meccanismi della tratta;
  2. Facilitare soluzioni durevoli per l’inclusione socio-economica delle donne VdT nel paese d’accoglienza;
  3. Migliorare la cooperazione nell’ambito dell’inclusione socio-economica delle donne VdT tramite lo scambio di esperienze e pratiche insieme ad altri attori attivi sul tema a livello nazionale ed europeo;
  4. Accrescere la consapevolezza sull’importanza di un’effettiva inclusione socio-economica per prevenire la re-ingresso nella tratta, assicurando visibilità per le attività e i risultati del progetto.

A questi 4 obiettivi corrispondono altrettanti risultati attesi:

  1. Le donne identificate come vittime di traffico migliorano la loro situazione grazie all’accesso a servizi specifici designati sui loro bisogni e la loro situazione specifica.
  2. Le donne VdT acquisiscono strumenti e competenze riconosciute e valorizzate dal mercato del lavoro locale, che possano facilitare la loro inclusione e una buona stabilità in lavori adeguati.
  3. I partner del progetto e gli altri stakeholder chiave intensificano le loro competenze e il lavoro su strategie effettive di supporto all’assistenza e all’integrazione socio-economica delle donne VdT, anche grazie alla comparazione con altri progetti e lavori precedenti in questo ambito.
  4. La società civile ha una conoscenza base della Direttiva UE Anti-Traffico (2011/36/UE) e il documento UE “Strategia per combattere il traffico di esseri umani” (2021-25).

Le attività del progetto avranno luogo in Italia, Spagna, Francia e Grecia. I 4 paesi coinvolti creeranno un modello che può effettivamente contribuire all’integrazione sociale ed economica delle donne VdT, attraverso un approccio multidimensionale modellato sui loro bisogni specifici. Il modello sarà adattabile, scalabile e trasferibile, e l’elaborazione dei materiali specifici, le attività di formazione e la diffusione internazionale delle attività potrà portare a un impatto più ampio a livello europeo, ispirando altri paesi oltre le dimensioni territoriali del progetto.

Nel lungo periodo, il progetto contribuirà ad accrescere la pubblica consapevolezza dei valori dell’Unione europea, come il rispetto per la dignità umana, l’equità e la non-discriminazione.

Realizzato grazie al sostegno di: Unione Europea – Fondi ASILO, MIGRAZIONE E INTEGRAZIONE

 

 

MATERIALI

Insieme a New WORLDS
Per un mondo libero dallo sfruttamento

Download pdf

Join hands with New WORLDS
For a world free from exploitation

Download pdf