Skip to main content

“Mi chiamo Annique, ho 42 anni e sono nata in Costa d’Avorio. Nonostante risulti legalmente sposata, mi considero single.

Vivo in Marocco da otto mesi. Nel mio paese, la Costa d’Avorio, sono stata costretta a sposarmi con la forza ad un uomo molto più anziano di me, un uomo di oltre 80 anni. La mia vita lì era estremamente dura, mio marito mi picchiava quasi ogni giorno, mi trattava male ed era sempre violento con me. Non avevo il diritto di difendermi. La situazione era molto difficile e ho sopportato tutti questi problemi per molto tempo. Ho anche tre figli che sono rimasti a casa, in Costa d’Avorio.

Le cose a casa peggioravano di giorno in giorno e io non ce la facevo più, vivere lì era diventato un incubo. Per questo decisi di scappare in Marocco, per lasciarmi ogni cosa alle spalle ed iniziare una nuova vita. Fu un mio amico ad aiutarmi ad ottenere il visto e a comprare un biglietto per partire.

Arrivai in Marocco senza piani, senza soldi e senza sapere cosa mi riservasse il futuro, ma almeno ero lontana dalla mia sofferenza. Avevo paura ma al tempo stesso mi sentivo sollevata.

Appena arrivata, incontrai voi di Soleterre e con il progetto Work Is Progress e iniziai con un primo piccolo lavoro in un negozio di parrucchiere. Incontrai la signora Sego Younan del progetto Work4life, realizzato dal programma, e grazie a lei ottenni un lavoro in uno dei suoi negozi, così da potermi guadagnare da vivere.

C’è ancora molto lavoro da fare perché la mia vita si stabilizzi, qui in Marocco, ma sono ricca di speranza per il mio futuro”.


Seguici su Facebook e Linkedin per restare aggiornato sul nostro lavoro e le nostre iniziative!